Fobici si nasce o si diventa?

by Serena Gabrielli
Febbraio 14, 2020

Fobici non si nasce, ma si diventa. Lo si diventa attraverso una graduale evoluzione di tentativi fallimentari ripetuti per cercare di gestire la realtà (atteggiamenti, pensieri, comportamenti). Non c’è bisogno di un fenomeno o di una situazione pericolosa per sviluppare una fobia, ogni circostanza così come ogni cosa animata o inanimata può diventare una fissazione fobica e quindi condurre al panico.

Quali sono i tentativi fallimentari messi in atto?

– l’ EVITAMENTO : la persona che soffre di un disturbo fobico cerca di evitare le situazioni che le scatenano la paura. Ma è proprio l’evitare tali situazioni che incrementa la reazione fobica e la sfiducia nelle proprie risorse.

– la RICHIESTA DI AIUTO E PROTEZIONE : il supporto e l’aiuto offerto da coloro che vivono vicino alla persona che soffre di un disturbo fobico, non fa che complicare ulteriormente il problema. Infatti ciò conferma ancora di più alla persona che da sola non ce l’avrebbe mai fatta, aumentando così la sua incapacità di affrontare la situazione.

– il TENTATIVO DI CONTROLLO DELLE PROPRIE REAZIONI : la persona nel tentativo di sedare le allarmanti reazioni psicofisiologiche, ascolta attentamente le alterazioni del proprio corpo per cercare di controllarle. Ma è proprio questo tentativo di controllo che fa perdere il controllo.

Perché vengono attuate queste tentate soluzioni disfunzionali?

Queste tentate soluzioni che complicano il problema, piuttosto che risolverlo, vengono attuate perché sul momento critico funzionano come riduttori della paura, oppure sono atti preventivi per evitare che si scateni il panico.

Successivamente, però, queste tentate soluzioni condurranno al progressivo peggioramento della sintomatologia fobica.

Come superare una fobia?

La persona spesso si rende conto che le strategie che utilizza per combattere la paura non funzionano, ma non è in grado di cambiarle. Inoltre le fobie persistono e si complicano proprio grazie a ciò che le persone tentano di fare per ridurre la loro paura.

Nessuno può superare volontariamente un fobia, anzi più ci sforziamo di non avere paura, più la paura aumenterà.

Una terapia davvero efficace per questo tipo di problemi, deve essere rappresentata da un intervento che conduca la persona a cambiare la sua percezione della realtà, attraverso esperienze concrete. Infatti quando si cambia la nostra percezione delle cose, si cambia anche la nostra reazione emotiva, comportamentale e la comprensione. Successivamente si condurrà la persona alla fiducia nelle proprie risorse personali e al recupero della completa autonomia e indipendenza.

La Terapia Strategica è riconosciuta come “best practice” per il trattamento dei disturbi fobici. I protocolli di trattamento registrano attualmente un’efficacia del 95% dei casi e un’efficienza media di 7 sedute.

Dott.ssa Serena Gabrielli

Se l’articolo ti è piaciuto potrebbe interessarti anche:

La Terapia dei Disturbi Fobici

Le Monofobie: che cosa sono?

Che cosa sono le Fobie Generalizzate?

Attacchi di panico: cosa sono e come si manifestano


Bibliografia:

Nardone, G. (2000): “Oltre i limiti della paura. Superare rapidamente le fobie, le ossessioni e il panico”. Milano, Rizzoli.

Nardone, G. (2003): “Non c’è notte che non veda il giorno. La terapia in tempi brevi per gli attacchi di panico”. Milano, Ponte alle Grazie.

Nardone G. (2004):Paura, Panico, Fobie. La terapia in tempi brevi”. Milano, Ponte alle Grazie.